giocatori

Scacchi: le regole

Stai imparando questo magnifico gioco? Ecco le regole di base per cominciare a giocare a Scacchi!

Regole degli scacchi

 

L’obiettivo del gioco degli scacchi è ottenere uno scacco matto, intrappolando il re avversario. Il termine “scacco matto” deriva dalla frase persiana “Shah Mat”, che significa letteralmente, il re è in agguato.

Il bianco inizia sempre per primo a muovere e i giocatori si alternano nel muovere una sola pedina alla volta. Il movimento è obbligatorio.

Se un giocatore non può muovere nessuna pedina, non è sotto scacco ma non ha mosse legali, questa situazione è chiamata “patta”. Ogni tipo di pedina ha il suo movimento specifico.

Una pedina può essere spostata in un’altra posizione o può catturare una pedina avversaria, sostituendola sulla sua casella. Una pedina non può muoversi sopra o attraverso le altre pedine, eccetto l’Alfiere.

Quando un re è minacciato di cattura (ma può proteggersi o fuggire), si chiama “scacco” e di solito lo si dichiara all’avversario. Se un re è sotto scacco, il giocatore deve fare una mossa che elimina la minaccia di cattura e non può lasciare il re sotto scacco.

Lo scacco matto avviene quando un re è posto sotto “scacco” e non ci sono mosse legali disponibili per scappare. Lo “scacco matto” conclude la partita e il lato il cui re è stato messo sotto scacco matto perde.

 

La disposizione delle pedine

La scacchiera è composta da otto file e otto colonne per un totale di 64 caselle di colori alternati. Ogni casella nella scacchiera è identificata da una coppia unica di lettere e numeri. I file verticali sono etichettati da A a H, da sinistra del Bianco (cioè il lato della regina) alla destra del Bianco.

Allo stesso modo, le file orizzontali sono numerate da 1 a 8, a partire da quella più vicina al lato del Bianco della scacchiera. Ogni casella della scacchiera è identificata quindi dalla sua lettera e numero di file.

Nella disposizione iniziale, la regina chiara è posizionata su una casella chiara e la regina scura è situata su una casella scura.

 

Le mosse degli scacchi

Il re può muoversi esattamente di una casella in orizzontale, verticale o diagonale. Ogni re può anche effettuare una mossa speciale, chiamata arrocco. L’arrocco è l’unica volta nel gioco degli scacchi in cui più di una pedina si muove durante un turno. Questa mossa degli scacchi è stata inventata nel 1500 per accelerare il gioco e migliorare l’equilibrio tra attacco e difesa. Durante l’arrocco, il re si muove di due caselle verso la torre con cui intende arroccarsi, e la torre si sposta sulla casella attraverso cui è passato il re. L’arrocco è consentito solo se valgono tutte le seguenti condizioni: 

Né il re né la torre coinvolta nell’arrocco possono essersi mossi dalla posizione originale;

Non devono esserci pedine tra il re e la torre;

Il re non può attualmente essere sotto scacco, né può passare o finire in una casella attaccata da una pedina nemica (anche se la torre può essere sotto attacco e passare sopra una casella attaccata).

La regina può muoversi in qualsiasi numero di caselle libere in diagonale, orizzontalmente o verticalmente.

La torre può muoversi in qualsiasi numero di caselle libere verticalmente o orizzontalmente. Viene anche mossa durante l’arrocco.

L’Alfiere può muoversi in qualsiasi numero di caselle libere in qualsiasi direzione diagonale.

Il cavallo può muoversi di una casella lungo una fila o una colonna e quindi a un angolo. Il movimento del cavallo può anche essere visto come un “L” o un “7” disposto a qualsiasi angolo orizzontale o verticale.

I pedoni possono muoversi in avanti di una casella, se quella casella è libera. Se non si sono ancora mossi, i pedoni hanno l’opzione di muoversi di due caselle in avanti a patto che entrambe le caselle di fronte al pedone siano libere. Un pedone non si muove mai all’indietro. Nota: i pedoni sono le uniche pedine che catturano in modo diverso rispetto al loro movimento. Possono catturare una pedina avversaria su uno dei due spazi adiacenti allo spazio di fronte a loro (cioè, le due caselle in diagonale di fronte a loro), ma non possono muoversi su queste caselle se sono vuote. Il pedone è anche coinvolto nelle due mosse speciali en passant e promozione.

 

En Passant

En Passant può verificarsi solo quando un pedone si muove di due caselle nel suo movimento iniziale. Quando ciò accade, il giocatore avversario ha l’opzione di prendere il pedone mosso “en passant” come se si fosse mosso solo di una casella. Questa opzione, però, rimane aperta solo per una mossa. La mossa en passant è stata sviluppata dopo che ai pedoni è stato permesso di muoversi di più di una casella nel loro movimento iniziale. L’idea alla base di questa regola era mantenere le restrizioni imposte dal movimento lento, mentre allo stesso tempo accelerare il gioco.

 

Promozione dei pedoni

Se un pedone raggiunge il bordo del tavolo dell’avversario, verrà promosso il pedone può essere convertito in regina, torre, alfiere o cavallo, a scelta del giocatore. La scelta non è limitata alle pedine precedentemente catturate. Quindi teoricamente è possibile avere fino a nove regine o fino a dieci torri, alfieri o cavalieri se tutti i pedoni vengono promossi.

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *